Samsung, il telefono pieghevole atteso il 20 febbraio 2019



Nello scorso mese di novembre, alla sua conferenza per
sviluppatori, la
SDC 2018 a San Francisco il 7 e 8 novembre, Samsung
ha annunciato l’Infinity
Flex Display, il primo display pieghevole per smartphone
realizzato Samsung Display, che è atteso sul primo
dispositivo commerciale di Samsung ad un certo punto nel
2019, a due anni dalle prime voci emerse. Samsung al suo
keynote al
CES 2019 non ha pubblicamente annunciato nuovi smartphone
o riferito novità riguardanti lo smartphone pieghevole che
lancerà quest’anno, anche se l’annuncio di questo era atteso
proprio all’evento di Las Vegas. Tuttavia, Digital
Trends ha riferito che un prototipo del dispositivo è
stato presentato in una sessione privata a cui hanno preso
parte alcuni dei clienti dell’azienda. Inoltre, Suzanne de
Silva, direttore Samsung di Product Strategy and Marketing,
ha confermato al sito che il dispositivo sarà rilasciato
nella prima metà del 2019. Ulteriori informazioni non sono
state rivelate, ma il 10 gennaio Samsung ha spedito gli
inviti al
primo suo evento ‘Samsung Galaxy Unpacked’ del 2019 che
si terrà il 20 febbraio, occasione in cui potrebbe annunciare
ufficialmente il su primo dispositivo pieghevole. Nel
condividere l’invito per l’evento  Samsung ha scritto:
“Il 20 febbraio, Samsung Electronics presenterà nuovi
dispositivi che promettono di inaugurare nuove esperienze
Galaxy basate su 10 anni di innovazioni”.

Riguardo alle specifiche del device, di certo c’è solo il
display Infinity Flex da 7,3 pollici quando è completamente
aperto.

Il capo della divisione mobile di Samsung, DJ Koh, prevede
che la sua società riuscirà a spedire circa un milione di
dispositivi pieghevoli nel 2019.

Basandosi sulle innovazioni per display introdotte in
precedenza, Samsung Display ha creato l’Infinity Flex Display
che può essere spiegato senza soluzione di continuità, da uno
smartphone tascabile in un display da 7,3 pollici. Dal
momento che il vetro non è flessibile, il produttore ha
sviluppato un nuovo materiale per la copertura, flessibile e
duraturo. E per garantire l’affidabilità del display, è stato
trovato un adesivo unico che migliora l’elasticità del
display e mantiene la sua forza anche quando viene ripiegato
e spiegato più volte.

 

Foto dal vivo ufficiali del primo dispositivo pieghevole di
Samsung, in prototipo

 

Guarda la presentazione del Samsung Infinity Flex Display alla
SDC 2018 (dal minuto 1:24:00)

A quando il primo device commerciale con Infinity Flex Display?

Nello scorso mese di novembre nuovi dettagli sono emersi per
la serie Galaxy F di smartphone
Samsung, prossima al lancio forse con il primo
smartphone ‘pieghevole’ del produttore sudcoreano. Il nome
dell’atteso telefono ‘foldable’ di Samsung potrebbe dunque
non essere ‘Galaxy X’ come da indiscrezioni precedenti ma
‘Galaxy F’.

Sammobile ha notato che del primo dispositivo della
serie Galaxy F – di cui è emerso il numero di modello
SM-F900U – risulta essere in fase di test il firmware
versione F900USQU0ARJ5. L’SM-F900U potrebbe essere il
telefono pieghevole di Samsung poichè la società “sta
lavorando ad una versione unica dell’interfaccia utente
Android per questo dispositivo in collaborazione con
Google” ha scritto Sammobile, secondo cui
questo device, di fascia alta, verrà spedito con 512 GB di
memoria interna e avrà il supporto dual-SIM.

Se il Galaxy F non sarà lo smartphone pieghevole tanto atteso
allora potrebbe essere lo ‘smartphone da gioco’ che da alcuni
mesi rsulta essere in sviluppo da Samsung.

Tante, forse troppe, attese per il primo telefono
pieghevole di Samsung
Da un paio di anni a questa parte si scrive di quello che
sarà il primo smartphone pieghevole in arrivo da Samsung,
noto inizialmente col nome in codice ‘Progetto Valley’. Il
produttore sudcoreano ha presentato il device in una versione
preliminare, non ancora definitiva, a novembre, nel corso
della sua conferenza degli sviluppatori a San Francisco,
mentre è attesa la presentazione della versione ufficiale,
pronta per il mercato, il 20 febbraio 2019, dopo una seconda
anteprima mostrata al CES 2019 di Las Vegas. Pare che
Samsung con questo suo primo smartphone pieghevole abbia
intenzione di battere la concorrenza sul tempo ed arrivare a
lanciare il primo telefono pieghevole del mercato di massa
quanto prima. Infatti, anche Huawei
risulta essere al lavoro su un prodotto
simile.  

In una dichiarazione rilasciata in precedenza
alla CNBC, il CEO della divisione mobile di
Samsung, DJ Koh, non ha confermato un nome per il
dispositivo, spiegando che Samsung sta cercando di trovare
applicazioni e funzionalità che possano distinguere il
prodotto da un tablet normale quando si trova nello stato di
essere completamente aperto: “Lo si puo’
utilizzare per la maggior parte degli usi… quando piegato,
ma quando è necessario sfogliare o vedere qualcosa potrebbe
essere necessario spiegarlo, ma anche spiegato, che tipo di
beneficio offrirebbe rispetto al tablet? l’esperienza
sviluppata è la stessa del tablet, perché dovrebbero (i
consumatori) comprarlo? Quindi ogni dispositivo, ogni
funzionalità, ogni innovazione dovrebbe avere un messaggio
significativo per il nostro cliente finale. Vorremmo che
quando il cliente finale lo usa pensi ‘wow, questo è il
motivo per cui Samsung l’ha fatto’.”.

All’inizio dello scorso anno, al CES 2018 di Las Vegas, era
prevista un’anteprima del telefono pieghevole di Samsung per
un piccolo gruppo di persone ad un evento a porte chiuse che
pero’ non si è tenuta. Il 31 gennaio, nel rapporto dei
guadagni finanziari del 2017, Samsung ha scritto che, per il
business dei pannelli display nel 2018, la società si aspetta
che l’OLED diventerà sempre piu’ presente nel settore degli
smartphone e verrà utilizzato in nuove applicazioni come
“display pieghevoli”, automotive e IT.

All’azienda sudcoreana negli ultimi anni sono stati concessi
una serie di brevetti riguardanti alcune delle tecnologie che
potrebbero essere utilizzate in questo smartphone pieghevole.
Alla fine del 2017 sono stati pubblicati screenshot relativi
al brevetto concesso a Samsung per un “Dispositivo
elettronico che comprende un display multiplo e un metodo per
controllarli”, brevetto che ci ha dato un’idea di come
potrebbe essere utilizzato un dispositivo con due display
separati. 

 

Samsung Galaxy X – render brevetto emerso a dicembre
2017

 

 

Samsung Galaxy X – screen brevetto novembre 2017

 

L’Infinity Flex Display si è fatto attendere

Risale all’inizio del 2011 la presentazione di Samsung del
suo primo prototipo di display AMOLED flessibile da 4,5
pollici. Secondo indiscrezioni precedenti, Samsung
Electronics e Samsung Display avevano in programma di rendere
disponibile il loro prototipo di smartphone pieghevole nel
terzo trimestre del 2017 per poi produrre una serie di
migliaia di prototipi da testare internamente e distribuire
direttamente ai partner per scopi di test e valutazione,
prima di decidere se il mercato si puo’ ritenere pronto per
questo nuovo tipo di tecnologia e introdurre quindi uno
smartphone pieghevole per il mercato di massa. Secondo gli
analisti la produzione in massa di un dispositivo con display
pieghevole con specifiche premium e un fattore di forma
sottile non è cosa semplice per Samsung.
Nell’aprile del 2017, al seminario Display TechSalon a
Seoul, l’ingegnere capo di Samsung Display Kim Tae-woong aveva
detto che gli smartphone pieghevoli non sarebbero arrivati
prima del 2019: “Poiché i dispositivi senza bordi
attualmente vendono bene, abbiamo ancora abbastanza tempo per
sviluppare la tecnologia di display pieghevole.”, sono
state le parole di Kim, prevedendo la
tecnologia “matura intorno al 2019”. Chung
Won-seok, analista di HI Investment and Securities, ha
condiviso le sue opinioni sul tema durante lo stesso seminario.
“Si prevede che Samsung Display commercializzerà telefoni
pieghevoli nel 2019 perché la società non ha bisogno di vendere
un nuovo hardware, perché sta già godendo del 20 per cento dei
profitti operativi con i Display senza cornice”, ha detto.
“Quando la domanda di telefoni senza cornice rallenterà,
Samsung presenterà il display pieghevole come sua carta
successiva.”

Samsung si dice che abbia ancora dubbi circa il target a cui
rivolgersi con gli smartphone pieghevoli: a che tipo
di consumatori uno smartphone pieghevole tornerebbe
utile? A questa domanda il produttore deve trovare
una risposta per cosi’ pianificare le campagne marketing per
riuscire a vendere il prodotto e renderlo appetibile
al pubblico.
Secondo indiscrezioni ormai superate, il Galaxy S8 sarebbe
potuto essere il primo smartphone pieghevole di Samsung.

 

Samsung Galaxy X – brevetto novembre 2016

 

 

concept smartphone flessibile di Samsung

 

 

Samsung – brevetto smartphone pieghevole marzo 2016

 

Display curvi, piegati, pieghevoli e arrotolabili: chiariamo

Samsung è sempre stata al vertice dell’innovazione sul campo
dei display per smartphone, e un paio di passi avanti
rispetto ai suoi concorrenti. La società ha rilasciato il
primo smartphone al mondo con un display Super AMOLED nel
2010, e il primo smartphone al mondo con un display curvo
dual-edge, il Galaxy S6 Edge, nel 2015. Ora, Samsung è pronta
per lanciare il suo primo smartphone con un display
pieghevole nel 2019 [Leggi:
l’evoluzione dei pannelli di Samsung Display].

Samsung ha già portato sul mercato almeno cinque smartphone
con il display curvo su almeno un lato (S6 Edge, S6 Edge+,
Edge, S7 Edge, Note7, S8, S8+, Note8, S9 e S9+). Il prossimo
step dell’azienda sarà introdurre sul mercato i
telefoni che si piegano.

Gli schermi con tecnologia flessibile si possono classificare
in quattro categorie: curvi,
piegati, pieghevoli e
arrotolabili. Sembrano termini tutti uguali
ma in realtà ciascuno fa riferimento ad un display diverso
dall’altro. I primi (curvi e piegati) due sono già una
realtà, mentre il terzo è in arrivo (pieghevole) e l’ultimo
(arrotolabili) promette schermi che potranno essere
arrotolati come una pergamena.

 

LG – Display flessibile

 

Resta aggiornato su Samsung, il telefono pieghevole atteso
il 20 febbraio 2019
fonte: http://www.pianetacellulare.it/Articoli/Samsung/37981_Samsung-il-telefono-pieghevole-atteso-il-20-febbraio-2019.php