Google Lookout aiuta non vedenti e ipovedenti a conoscere l’ ambiente circostante



L’intelligenza artificiale oltre che alimentare nuove
esperienze di intrattenimento puo’ tornare utile per rendere
luighi e servizi accessibili per le persone con difficolt
motorie o visive. Google lo sa, e dal momento che per la societ
di Mountain View l’accessibilit e vuole restare una priorit
costante ha creato e lanciato l’app chiamata Lookout, “un passo
per aiutare le persone non vedenti o ipovedenti ad acquisire
maggiore indipendenza comprendendo l’ambiente fisico in cui si
spostano” come la ha descritta Patrick Clary, Product Manager
del Central Accessibility Team di Google.

Stando a quanto condiviso da Google, sono oltre 253 milioni le
persone non vedenti o ipovedenti nel mondo. “Per rendere il
mondo pi accessibile a loro, serve costruire strumenti che
possano lavorare con l’ambiente in continua evoluzione che ci
circonda” ha detto Clary, secondo cui la nuova app Lookout per
device Android “aiuta le persone non vedenti o ipovedenti a
diventare pi indipendenti dando spunti uditivi mentre
incontrano oggetti, testo e persone che li circondano”.
fonte: http://www.pianetacellulare.it/Articoli/Google/46886_Google-Lookout-aiuta-non-vedenti-e-ipovedenti-a-conoscere-l.php